Inferriate: come pulirle

Introduzione

La pulizia delle inferriate per molti potrebbe essere un tasto dolente.

Esposte perennemente a intemperie, smog, polvere e sbalzi termici, è indispensabile, al fine di preservarle il più a lungo possibile, prendersene cura con manutenzioni periodiche e detersione.

Lo sporco infatti, seppur apparente innocuo, a lungo andare potrebbe causare danni alle giunture e alle strutture portanti.

Inoltre, come per tapparelle e finestre, le grate sporche trasmetterebbero un senso di trascuratezza, assolutamente poco piacevole esteticamente, soprattutto in vista del fatto che rappresentano alcuni tra i primi elementi visibili all’esterno di una casa.

Ma quindi, come fare a pulire inferriate e grate?

È possibile riportarle all’originario splendore?

Ma soprattutto, quali strumenti e prodotti utilizzare per non rovinarle?

Il primo passo per avere inferriate pulite: rimuovi la polvere

Che sia all’interno o all’esterno della casa, nessuna superficie viene risparmiata dalla polvere.

Queste minuscole particelle purtroppo si depositano ovunque e su qualsiasi materiale. Pavimenti, mobili, oggetti decorativi, tapparelle, persiane e anche grate.

Per questa ragione, prima di impiegare qualsiasi prodotto, è bene rimuovere la polvere in eccesso, per evitare che l’aggiunta di un qualsiasi detergente crei una patina più difficile da contrastare.

Quindi basterà un semplice panno in microfibra per eliminarla del tutto senza alcuna fatica.

Passiamo poi alla pulizia vera e propria

A questo punto, una volta rimosse le particelle di polvere, potrete procedere alla vera e propria pulizia con l’impiego di prodotti specifici creati miscelando prodotti di uso comune all’interno della casa.

Potrete scegliere tra differenti formule in funzione di quanto disponibile e delle singole esigenze.

Acqua, aceto e succo di limone, perfetto mix per sciogliere lo sporco incrostato su strutture in ferro.

Sarà sufficiente passare un panno imbevuto di questa miscela e strofinarlo anche negli angoli, lasciandolo poi agire per qualche minuto prima di risciacquarlo e asciugarlo

Acqua e sapone neutro o di Marsiglia, da utilizzare con una spugna per pulire e riportare allo stato originario le grate.

Una volta fatto sarà poi sufficiente risciacquare e asciugare tutta la superficie dell’inferriata

Sale e aceto rappresentano invece la soluzione perfetta nel caso in cui ci si trovi dinnanzi ad aree arrugginite. Impiegato con una spugna abrasiva e strofinato su queste aree andrà a rimuoverla eliminandone ogni traccia. L’importante anche qui è risciacquare e asciugare per evitare di facilitarne nuovamente la formazione.

Come riportare le inferriate al loro stato originario?

Terminate le operazioni di pulizia si potrebbe operare per far tornare le grate come nuove.

Come?

Nel caso in cui ci sia della ruggine, una volta trattata con la miscela di sale e aceto, potrete provvedere alla stesura di cera d’api e, successivamente, un apposito smalto protettivo.

Per evitare che la stessa si formi nuovamente dovrete poi scadenzare periodiche pulizie ogni 3 o 4 mesi.

Se invece desiderate levigare la superficie delle inferriate perché risulti liscia e lucente, si potrà impiegare del bicarbonato di sodio secco, cospargendolo su un tampone con all’interno dell’ovatta, e passandolo in ogni area.

Infine si dovrà stendere un flatting trasparente che, una volta essiccato, formerà una vera e propria pellicola protettiva sull’inferriata, particolarmente efficace per preservarle nel periodo invernale della pioggia.

Venite a scoprire la vasta gamma di proposte di inferiate offerte Idea Outdoor: il nostro catalogo prevede un’ampia scelta per forma, dimensioni, rifiniture, prezzi e tecnologia.

Richiedete un preventivo gratuito e senza impegno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.