Coperture per autovetture: come realizzarla Seconda parte

Nell’articolo precedente abbiamo tratto i seguenti argomenti:

Introduzione

Tettoia per auto: come funziona

Tettoia per auto: materiali

Tettoia per auto in legno

Tettoia per auto in alluminio

Tettoia per auto in ferro

Tettoia per auto in PVC

Tettoia per auto fotovoltaica

Ora andiamo a concludere l’articolo trattando gli argomenti che seguono:

 

 

 

Tettoia per auto: permessi

In merito alla sua realizzazione, occorre fare molta chiarezza circa la normativa da seguire, per evitare di incappare in multe salate e sanzioni che possono prevedere l’abbattimento della pensilina, configurandosi il reato di abuso edilizio.

Tettoia per auto permesso di costruire

Per realizzare una tettoia per auto è necessario il permesso di costruire in quanto la struttura è fissa, non temporanea e non facilmente rimovibile, incide sul terreno, creando una superficie coperta permanente.

Prima di procedere all’installazione, occorre dunque presentare relativa richiesta al Comune di pertinenza.

In assenza di permessi concessi, la costruzione può essere abbattuta, con disposizione degli uffici comunali, anche a distanza di anni in quanto si tratta di un provvedimento che non cade mai in prescrizione.

 

Tettoia per auto DIA

La costruzione facilmente rimovibile, priva di ancoraggio al suolo (per esempio un gazebo), rientra nella categoria dei lavori senza permesso e per avviare la realizzazione è sufficiente la DIA (dichiarazione inizio attività).

La tettoia deve essere retrattile, dunque facilmente rimovibile ed inoltre la sua dimensione non deve essere particolarmente estesa, fattore questo valutato dall’ufficio tecnico del comune.

 

 

Tettoia senza permesso

Se la tettoia, aperta su tutti i 4 lati, dotata di copertura retrattile, non ha come scopo la protezione dell’auto, non richiede alcun permesso di costruire e nemmeno della DIA in quanto consiste in un’opera di abbellimento del cortile o giardino.

Secondo il Consiglio di Stato, il fatto che la struttura sia ancorata al terreno non costituisce elemento per richiedere una serie di permessi: l’ancoraggio è infatti necessario onde evitare che la struttura possa costituire un pericolo per l’incolumità pubblica.

 

Tettoia per auto in condominio

Un caso molto particolare e che può comportare infinite discussioni è quando si intende procedere alla realizzazione di una tettoia nel posto auto condominiale di proprietà.

Può capitare infatti che, al fine di proteggere l’automobile, si intenda metterla al riparo con una tettoia nel materiale e colore più adatto: spesso infatti le grandinate estive possono causare gravi e seri danni alla carrozzeria, rovinandola in maniera seria e riparabile soltanto a caro prezzo.

Per quanto riguarda i permessi da richiedere al Comune, le norme non si modificano se trattasi di condominio o meno.

Il Comune non è tenuto a rilasciare il permesso o la licenza in base al ricevimento del consenso dell’assemblea condominiale; è compito del proprietario del posto auto accertarsi che la tettoia:

non arrechi danno al decoro architettonico dell’edificio

non comporti problemi circa la stabilità dell’edificio

non violi le norme sulle distanze minime in senso verticale, ovvero rispetto all’eventuale presenza di un piano superiore

Salvo il caso che il regolamento condominiale non indichi in maniera diversa, il proprietario potrà procedere alla realizzazione dell’opera senza sottoporre la questione all’assemblea condominiale, a patto di rispettare le condizioni sopra indicate.

E’ tenuto unicamente a dare indicazione all’amministratore di condominio che procederà ai lavori.

Venite a scoprire la vasta gamma di modelli di coperture per posti autovetture offerta Idea Outdoor: il nostro catalogo prevede un’ampia scelta per modelli, materiali, dimensioni, rifiniture, prezzi e tecnologia.

Richiedete un preventivo gratuito e senza impegno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.