Portoncini di ingresso: la porta blindata Terza parte

Nell’articolo precedente abbiamo tratto i seguenti argomenti:

Scegliere la porta blindata

Elementi della porta blindata

Installazione di una porta blindata

Classi di sicurezza delle porte blindate

Serrature e cilindri per porta blindata

Ora andiamo a concludere l’articolo trattando gli argomenti che seguono:

 

Norme e marchi di garanzia

Oltre alle 6 classi di qualità antieffrazione, la produzione di porte blindate è regolata da alcune norme e può essere certificata da alcuni marchi di garanzia, che assicurano il suo livello di protezione antieffrazione e di isolamento termoacustico.

La marcatura CE è obbligatoria e regolata dalla norma En 14351-1. Il decreto legislativo 192/2005 invece, impone rigidi parametri per l’efficienza energetica, quindi per l’isolamento termoacustico.

Come detto, la norma Uni Env 1627 stabilisce i criteri delle 6 classi di efficienza antieffrazione.

Come indicato sopra, la norma Uni En 1303:05 stabilisce poi i requisiti di durata e resistenza agli attacchi dei cilindri. La normativa Uni En 12209 stabilisce i criteri di sicurezza delle serrature.

Il Marchio Volontario SCCQ, Sicurezza e qualità certificata e controllata, garantisce la qualità della produzione e in particolare certifica che la porta blindata:

è stata prodotta in Italia

è almeno di classe 3

ha un livello di protezione acustica di almeno 32 Db

non contiene sostanze nocive

Tale marchio garantisce poi che periodicamente venga controllata la produzione in fabbrica da un Ente Notificato esterno. La certificazione volontaria fornita dall’Icim – http://www.icim.it/it/(Istituto di certificazione industriale per la meccanica), garantisce invece l’efficacia delle metodologie che impediscono la duplicazione abusiva della chiave. Per conoscere i livelli di questa certificazione consultare il sito.

 

Materiali delle porte blindate

I rivestimenti delle porte blindate possono essere molto diversi, sia come estetica, che come colore. I pannelli di rivestimento possono essere in legno massello, laminato o laccato, oppure comprendere anche parti in vetro blindato, antimazza e antiproiettile.

Per le porte che si affacciano direttamente sull’esterno, come il portoncino di ingresso, si utilizzano materiali particolarmente adatti a resistere alle intemperie: alluminio, acciaio, pvc, Mdf idrorepellente e alcune essenze legnose. La struttura invece del telaio e del controtelaio, che è quella che garantisce la sicurezza, è in acciaio.

 

Caratteristiche aggiuntive

Le porte blindate possono presentare caratteristiche aggiuntive, che variano da un produttore a un altro e da un modello all’altro. Alcune di queste caratteristiche, per avere un’idea delle opzioni a cui possiamo andare incontro, sono:

la serratura motorizzata a gestione elettronica;

realizzazione con materiale ignifugo;

realizzazione con materiale fonoisolante, ad alta tenuta all’aria e all’acqua (adatti soprattutto agli affacci direttamente sull’esterno);

serratura dotata di display e chiave elettronica;

rostri antiscasso

nottolino antitrapano

bocchetta di sicurezza

scontri antiscardinamento

defender, placca in acciaio posta davanti alla serratura nella zona di inserimento della chiave

serratura automatica autobloccante

apertura con telecomando

serratura con riconoscimento dell’impronta digitale

serratura con chiavi a duplicazione protetta

 

Scheda tecnica della porta blindata

Anche i serramenti, quindi anche le porte blindate, devono essere vendute provviste di una scheda prodotto. Questa deve contenere l’indicazione:

dei materiali utilizzati

dei metodi di lavorazione

l’eventuale presenza di sostanze nocive

le istruzioni, le precauzioni e le destinazioni d’uso

le certificazioni

la garanzia del rispetto delle normative vigenti

 

 

Manutenzione

La porta blindata necessita di alcuni controlli nel tempo per poter funzionare correttamente.

Alcune aziende forniscono un kit per la manutenzione della porta e dei suoi accessori. In generale è comunque consigliabile far effettuare un controllo annuale alle cerniere, alle guarnizioni e alle serrature.

I campanelli d’allarme per un cattivo funzionamento della porta sono rumori insoliti durante l’apertura, la comparsa di strisce sul pavimento in corrispondenza dell’area di apertura dell’anta.

Sul sito dell’Unione costruttori chiusure tecniche, www.ucct.it, è possibile trovare l’elenco degli installatori qualificati che possono effettuare controlli di manutenzione e riparazione di eventuali guasti.

 

 

Garanzie e risparmi

Solitamente anche le porte blindate sono dotate di una garanzia di due anni sull’acquisto, che può essere estesa dalle aziende a seconda delle offerte specifiche che possono fare al cliente. In caso di effrazione però, nonostante qualità e certificazione della porta, non sono previsti rimborsi da parte dei produttori.

Invece è possibile usufruire di uno sconto sul premio assicurativo, calcolato in relazione alla classe di resistenza della porta blindata. Inoltre la presenza di una buona porta blindata aumenta del 5% il valore di una casa. Sul sito del governo, www.governo.it, è poi possibile essere aggiornati sulle norme riguardanti le detrazioni o gli sgravi fiscali delle varie finanziarie; spesso le detrazioni riguardano anche l’installazione di porte blindate a norma e certificate per il risparmio energetico.

Venite a scoprire la vasta gamma di portoncini di ingresso e porte blindate offerta Idea Outdoor: il nostro catalogo prevede un’ampia scelta per forma, dimensioni, rifiniture, prezzi e materiali.

Richiedete un preventivo gratuito e senza impegno.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.